Rack API.

Perché nessun suono è irripetibile?

Perché ogni fenomeno fisico è registrabile e analizzabile.

E quindi, riproducibile.

Tutto quello che può essere osservato e analizzato è riproducibile.

Il suono non è qualcosa di impalpabile o teorico: è un fenomeno fisico. Lo possiamo sentire.
(In questo link troverete la spiegazione di cos’è un suono.)

E anche vedere, grazie a spettrometrie, sonometrie e analisi d’immagine stereofonica.

Un suono non è altro che una somma di frequenze dotate di fase: possiamo analizzare quali frequenze e con quale fase costruiscono un suono, e riprodurle quando e come desideriamo.

Possiamo addirittura costruire una simulazione virtuale di uno strumento, e farla suonare.

Non molto differentemente da come edifici e aeroplani vengono testati al computer ancora prima che siano costruiti, in modo da evitare rischi per chi li userà.

Questa tecnologia si chiama sintesi a modelli fisici (in inglese, physical modeling).

L’unica cosa realmente irriproducibile è la fantasia.

La capacità di ognuno di noi di raccontare una storia diversa con l’arte.

La capacità di inventare musica nuova.

I suoni che la creano, con un po d’impegno, possono essere ricostruiti. Indifferentemente da che apparecchio li abbia creati.

La fantasia no.

Serve un artista.

Per tutto il resto, basta un computer.

Se volete sapere il perché della creazione di questi tutorial, lo troverete in questo post

Il nostro primo post.

E nel nostro sito potete ascoltare e vedere i risultati delle nostre conoscienze.

Fateci sapere di voi!

Se avete trovato utile questo posto, condividete con noi le vostre esperienze sulle nostre pagine social!

Magari assieme a un link di quello che avete creato, e usando il nostro hashtag #lmkmprod per permetterci di trovarvi tutti.

Aspettiamo vostre notizie!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *